Natuzzi:due imprese accolgono 25 esuberi

Vertice a Roma, presentato piano formazione per ricollocamento

(ANSA) - BARI, 3 FEB - Due imprese hanno dato la loro disponibilità ad assumere 25 dei 350 lavoratori del gruppo Natuzzi considerati ancora in esubero: è quanto emerso nella riunione svoltasi oggi a Roma della cabina di regia, che si propone di monitorare l'andamento dell'attuazione degli accordi sindacali del 3 marzo 2015 e del 14 ottobre 2015. Al termine di un condotto dalla società specializzata Sofit, sono stati 127 su 350 i collaboratori che hanno accettato di prendere parte al processo di ricollocamento". E' stata la stessa Sofit ad indicare le due imprese che potrebbero riassorbire parte degli esuberi Natuzzi. Una è la ReJoint, azienda che si insedierà in Basilicata, operativa nel settore biomedicale, che avvierà i processi di pre-selezione dei candidati dal prossimo 15 febbraio. L'altra è la Cae, che si insedierà in Puglia, operativa nel settore del monitoraggio e controllo del territorio, che darà il via ai processi di pre-selezione dei candidati dopo la seconda metà di febbraio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere