Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Tecnologia

Wollol, il primo archivio digitale dei ricordi

Da team franco-italiano piattaforma ispirata a vecchi album foto

Redazione ANSA

MONTECOSARO (MACERATA) - Nasce Wollol, nuova piattaforma digitale esclusivamente basata nell'archiviazione dei ricordi. L'idea è di un team di giovani imprenditori francesi e italiani residenti nelle Marche. La piattaforma permette a privati e professionisti di raccontare la loro storia e di lasciare la loro impronta per il futuro, registrando momenti particolari e significativi.

La start-up Wollol è stata creata nel 2016 a Montecosaro (Macerata) da Georges Balthazar, Sara Valeri e Manuel Maccari, con il motto "I ricordi sono preziosi, vanno custoditi". Partendo dalla constatazione che "con migliaia di foto, video ed altri media caricati su ogni social, o semplicemente su computer, tablet o cellulari, molti ricordi vanno persi o dimenticati", il team ha pensato a una piattaforma "semplice ed esclusivamente dedicata alla raccolta dei momenti davvero importanti delle nostre vite".

Rivisitando in chiave attuale il concetto del vecchio album fotografico e del diario, Wollol permette agli utenti di raccontare e conservare le loro storie attraverso ricordi e pensieri, sotto forma di immagini e parole. Pensato per potere essere usato facilmente anche da chi non ha dimestichezza con il digitale ed i social, l'interfaccia del sito (che funziona con tutti i principali browser) è molto semplice. La timeline, visibile in un'unica pagina, ordina cronologicamente i vari ricordi e può anche essere filtrata per tematiche con gli hashtag (ad esempio #famiglia, #viaggi, #sport) senza dover ricorrere alla creazione di numerosi album.

Attualmente disponibile in 4 lingue (italiano, francese, inglese e spagnolo), Wollol è un sito internet responsive, che si adatta al formato mobile (cellulare e tablet): l'archivio digitale può essere condiviso oppure no. "Ci siamo anche chiesti cosa trasmetteremo alle generazioni future - dice Balthazar - e abbiamo immaginato che esperienza emozionante sarebbe stata avere avuto una testimonianza diretta della vita e i dei pensieri, ad esempio, dei nostri nonni, anziché racconti indiretti e qualche foto di cui ignoriamo la provenienza ed il contesto".

Wollol si rivolge anche ai professionisti, proponendo uno strumento di storytelling, con messaggi che raccontano la storia, le origini e l'evoluzione nel tempo di un'azienda, di un marchio, di prodotti, di attività e carriere di personaggi pubblici.
   

Leggi l'articolo completo su ANSA.it