Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Sport

Il pianto di Aru campione l'Italia con la maglia di Scarponi

'Me l'aveva data a Sierra Nevada e ora la restituirò alla famiglia'

Fabio Aru

Redazione ANSA

Fabio Aru, grande assente all'ultimo Giro d'Italia, ha vinto per distacco il campionato italiano professionisti conclusosi sulle strade di Ivrea. Al secondo posto, staccato di 40'', si è piazzato Diego Ulissi, che ha regolato in volata il gruppetto degli inseguitori del 'Cavaliere dei 4 Mori', come viene soprannominato Aru per le sue origini sarde. Al terzo posto Rinaldo Nocentini.

Lacrime di Fabio Aru, che si è commosso mentre parlava ai microfoni Rai dopo la vittoria nel campionato italiano professionisti, con dedica a un compagno di squadra nell'Astana che non c'è più. "Sto correndo con la maglia di Michele Scarponi - ha detto commuovendosi il sardo neocampione d'Italia -, me l'aveva data a Sierra Nevada e ora la restituirò alla famiglia. La vita è fatta di momenti belli e brutti, l'importante è rialzarsi, ma sto ritrovando la luce". "E' stata veramente dura - ha aggiunto Aru -, sono andato a tutta e ho deciso di attaccare in salita perché volevo fare la differenza, e ci sono riuscito".

Leggi l'articolo completo su ANSA.it