Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Mondo

Parata militare senza missili,messaggio di Kim agli Usa

Al 70/mo anniversario della nascita dello Stato il leader nordcoreano rinsalda i legami con la Cina

North Korea Anniversary

Redazione ANSA

Pochi missili a breve gittata, nessuno a medio/lungo raggio o intercontinentale: Kim Jong-un invia un doppio messaggio agli Stati Uniti dalla parata militare "sobria" tenuta a Pyongyang per i 70 anni della fondazione della Corea del Nord, rinsaldando anche i rapporti con la Cina. Il primo è che, escludendo gli armamenti pesanti, compresi quelli che Washington vede come potenziale minaccia, il "supremo comandante" ha ribadito di voler riallacciare un dialogo per superare lo stallo sulla denuclearizzazione per le posizioni inconciliabili, come ha ribadito "con dispiacere" alla delegazione sudcoreana ricevuta a Pyongyang. Il secondo messaggio, più politico, è che il legame tra Corea del Nord e Cina è pienamente ristabilito. Pechino giocherà un ruolo primario e attivo nella definizione degli equilibri nella regione, ufficializzando una posizione che non è mai venuta meno proprio quando Trump prepara un altro round di dazi.

In aggiunta ai tre incontri da marzo con il presidente Xi Jinping, oggi Kim ha coinvolto a fine parata nel saluto d'onore Li Zhanshu, numero tre nella scala gerarchica del Pcc, presidente dell'assemblea parlamentare e braccio destro politico del presidente, nonche' abile tessitore del legame col presidente russo Vladimir Putin. Li ha seguito gli oltre 40 gruppi militari sfilare al passo dell'oca nelle coreografie originali dalla balconata dei leader sulla piazza Kim Il-sung, vicino a Kim: alla fine, l'hanno percorsa da un capo all'altra, rispondendo alle ovazioni delle decine di migliaia di persone schierate sventolando fiori di plastica e bandiera nazionale, con Kim che gli ha sollevato mano e braccio più volte a ostentare l'unità ritrovata. Visto a poche decine di metri di distanza, il gesto del leader è sembrato tanto spontaneo da cogliere di sorpresa l'illustre ospite, il più alto in grado mai venuto dalla Cina dalla salita al potere di Kim.

Il discorso ufficiale della parata lo ha tenuto Kim Yong-nam, l'anziano presidente dell'Assemblea suprema del Popolo (il capo dello Stato de facto): "Il nostro Paese è diventato una potenza militare con la più forte capacità di difesa nazionale", ha detto, senza menzionare le armi nucleari. Alla fine della parata, che ha coinvolto circa un milione di persone, Ri Kyong-nye ha espresso la sua piena fiducia "nelle istruzioni che il leader ci darà". Kim Il-sung "ha liberato il Paese dalla occupazione giapponese, ora Kim Jong-un lo farà crescere ancora, con più benessere", ha detto all'ANSA Ri, 32 anni e un lavoro nel dipartimento Propaganda. "Tutto il mondo ci guarda e tutto il nostro popolo è ottimista grazie al presidente Kim Jong-un", ha notato un medico di 50 anni che ha sfilato nella parata nel blocco dedicato ai dottori. "Il problema con gli Usa dipedente dagli Usa", ha aggiunto senza voler rivelare il suo nome.

Allo stadio May Day, è andato in scena il ritorno dei "giochi di ginnastica di massa" con la partecipazione di decine di migliaia di ragazzi e ragazze, di cui solo 14.000 per il cambio dei cartelloni del sorprendente display umano sistemato su un'intera gradinata. Grandi prove di acrobazia, coreografie spettacolari, tra canti e balli per due ore: nel finale sono le immagini del summit storico del 27 aprile tra Kim e il presidente sudcoreano Moon Jae-in hanno ricordato che i due leader si rivedranno a Pyongyang il 18-20 settembre per parlare di pace e denuclearizzazione

Leggi l'articolo completo su ANSA.it