Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Mondo

Ambasciatore di Berlino all'ANSA, l'Italia non è un rischio per l'Ue

'La manovra? E' chiaro che il Paese ha bisogno di crescita'

L'ambasciatore tedesco in Italia, Viktor Elbling

Redazione ANSA

"Dalla Germania non vediamo l'Italia come un rischio". Lo ha detto il nuovo ambasciatore tedesco in Italia, Viktor Elbling, intervistato dall'ANSA. "Le regole valgono per tutti e sono lì per essere rispettate da noi tutti - ha spiegato interpellato in merito alla prossima manovra e sulla possibilità di uno sforamento rispetto ai parametri europei -, però quando dalla Germania guardiamo verso l'Italia non vediamo un Paese che è un pericolo per l'Europa. E' chiaro che un Paese come l'Italia ha bisogno di una crescita economica".

"Dobbiamo, con solidarietà europea, risolvere i problemi insieme", ha detto ancora Elbling. "Credo che far vedere alcuni membri europei come un problema non aiuti molto - ha aggiunto il diplomatico interpellato riguardo recenti prese di posizione critiche nei confronti dell'Italia da esponenti dell'establishment europeo -, dobbiamo sederci al tavolo e vedere come risolvere i problemi".

In merito all'accordo sui migranti in discussione tra Germania e Italia, il nuovo ambasciatore tedesco ha ricordato che "siamo ancora nel negoziato ma siamo vicini a una firma da ambedue i lati. L'accordo - ha aggiunto - è importante per tutti e due i Paesi e questo è l'essenziale". Ieri il ministro dell'Interno tedesco, Horst Seehofer, aveva reso noto che per l'approvazione finale del testo mancherebbe soltanto la firma di Matteo Salvini. Da parte sua, il titolare del Viminale si era detto pronto a firmare l'accordo sui respingimenti se "a saldo zero" per quanto riguarda il numero dei richiedenti asilo da riprendere e da affidare alla Germania.

Leggi l'articolo completo su ANSA.it