Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Mondo

Morto Anthony Bourdain, lo chef morto suicida in un hotel in Francia

Aveva 61 anni. La compagna Asia Argento: 'E' stato il mio amore, la mia roccia, il mio supporto. Sono più che devastata'

Redazione ANSA

Anthony Bourdain, chef di fama internazionale, si è suicidato. Aveva 61 anni ed era sentimentalmente legato ad Asia Argento.  Bourdain si trovava in Francia per un episodio del programma tv che conduceva sulla Cnn. A trovarlo morto nella sua camera d'albergo questa mattina è stato il suo amico Eric Ripert, uno chef francese. "E' con estrema tristezza che confermiamo la morte del nostro amico e collega, Anthony Bourdain", si legge in una nota della Cnn dove la star-chef conduceva 'Parts Unknown', programma tv sulle cucine e i ristoranti del mondo (in onda anche in Italia con il titolo di 'Cucine segrete'). "La morte di Anthony Bourdain - ha commentato Donald Trump - è molto triste". 

La compagna Asia Argento lo ricorda così:

 

"Anthony ha dato tutto se stesso in tutto quello che ha fatto. Il suo spirito brillante e coraggioso ha toccato e ispirato tante persone e la sua generosità non ha conosciuto limiti. E' stato il mio amore, la mia roccia, il mio supporto. Sono più che devastata. I miei pensieri vanno alla sua famiglia. Vi chiederei di rispettare la loro e la mia privacy". 

Non e' chiaro se tra i due ci fosse ancora una relazione. Secondo il tabloid Daily Mail, l'attrice italiana e' stata vista passeggiare mano nella mano qualche giorno fa a Roma con il giornalista francese Hugo Clement. Sempre secondo il Daily Mail, la Argento stava comunque lavorando con Bourdin, ha diretto infatti uno degli episodi della serie in onda su Cnn, 'Parts Unknown', girato a Hong Kong. Lo chef era stato particolarmente vicino all'attrice in pieno apice del movimento #metoo. In un'intervista aveva anche sottolineato di esserle grato per averle aperto gli occhi sulle molestie sessuali che le donne subiscono in diversi settori, tra cui il suo, ossia quello dell'industria della ristorazione.

 Tra gli ospiti di Bourdain, anche l'ex presidente degli Usa, Barack Obama, che cenò con lui in un ristorante di Hanoi. "Il suo amore per le grandi avventure, nuovi amici buon cibo e vino e le straordinarie storie del mondo lo hanno reso un narratore unico, i suoi talenti non hanno mai smesso di stupirci e ci mancherà moltissimo. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con la figlia e la famiglia in questo momento incredibilmente difficile", conclude la nota.   

Era diventato particolarmente famoso nel 2000, dopo la pubblicazione di Kitchen Confidential, il libro divenuto un cult in cui svela i segreti nelle cucine di famosi ristoranti americani, compreso l'uso di droghe e superalcolici per reggere i folli ritmi imposti dagli chef. In Italia è conosciuto anche per "Anthony Bourdain: viaggio di un cuoco", un viaggio, appunto, in giro per il mondo alla ricerca di nuove ricette.

Leggi l'articolo completo su ANSA.it