Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Mondo

Omicidio Gandhi, verso riapertura caso

Richiesto da ricercatore organizzazione destra indù di Mumbai

Redazione ANSA

(ANSA) - NEW DELHI, 6 OTT - La Corte Suprema indiana ha deciso oggi di verificare la possibilità di riaprire il caso dell'assassinio del Mahatma Gandhi, avvenuto quasi 70 anni fa, come richiestole da un ricercatore dell'organizzazione della destra indù di Mumbai, Abhinav Bharat. Lo riferisce la tv Zee News.
    A questo fine la Corte ha chiesto all'avvocato Amarendra Sharan di assisterla in questa verifica, nelle vesti di 'amicus curiae', per capire se esistono indizi concreti che giustifichino la riapertura del caso.
    Gandhi fu ucciso a colpi d'arma da fuoco il 30 gennaio 1948 dal nazionalista indù Nathuram Vinayak Godse, impiccato nel novembre dell'anno successivo.
    Secondo il ricercatore Pankaj Phadnis che ha chiesto la riapertura del caso per molteplici ragioni, quell'assassinio "è stato il pretesto per uno dei più grandi insabbiamenti che la storia ricordi". Attualmente l'organizzazione Abhinav Bharat è presieduta dalla pronipote di Godse, Himani Savarkar.
   

Leggi l'articolo completo su ANSA.it