Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Economia

Confindustria Si, in p.a tanto da fare

Buon lavoro a nuovo Dg Agenzia Italia Digitale, Alvaro

Redazione ANSA

(ANSA) - ROMA, 11 SET - "Buon lavoro" al nuovo direttore Generale dell'Agenzia per l'Italia Digitale, Teresa Alvaro, che ''ha davanti a se importanti sfide per la trasformazione digitale della p.a, condizione imprescindibile per lo sviluppo del Paese''. A rivolgere l'augurio è il presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Marco Decio osservando che "la p.a ha compiuto importanti passi nei percorsi di digitalizzazione ma resta ancora molto da fare per allineare del Sistema Paese alla forte accelerazione europea e mondiale.
    Un percorso che, secondo noi, deve rafforzare la collaborazione tra pubblico e privato, valorizzando le competenze del mercato, delle grandi ma anche delle piccole e medie imprese - che costiuiscono la maggioranza del tessuto imprenditoriale italiano - per far decollare servizi digitali a imprese e cittadini".
    Occorre lavorare ancora sulla semplificazione delle procedure, occorre ripensare il concetto di razionalizzazione della spesa IT in favore di un controllo della spesa pubblica per ottimizzare le scelte di servizi e soluzioni tecnologiche, e non solo per ridurre i costi; è necessario - prosegue Marco Decio - garantire un maggior coordinamento tra scelte centrali per la digitalizzazione e ricadute territoriali per evitare sprechi di danaro pubblico e insuccessi, come già avvenuto nel passato, anche recente. Ed è fondamentale - conclude il presidente di Confindustria servizi innovativi - un efficace sistema di affidamenti pubblici capace di valorizzare le proposte di eccellenza anche delle PMI, superando i tentativi di potenziali oligopoli ma anche la mancanza di qualità di molti affidamenti in house".
    (ANSA).
   

Leggi l'articolo completo su ANSA.it