Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Economia

Ilva: 4.000 esuberi, restano in 10.000

Piano Am InvestCo. Da lunedì parte negoziato Mise-sindacati

Redazione ANSA

   Sono 9.930 i dipendenti del Gruppo Ilva che la cordata Am InvestCo intende impiegare per il rilancio del gruppo siderurgico. La cifra è indicata in una lettera che la nuova proprietà ha inviato ai sindacati in vista dell'incontro di lunedì prossimo al Mise. Questo significa che gli esuberi saranno 4.000 circa. "Le suddette allocazioni - si legge nella lettera - sono soggette a leggeri aggiustamenti tenendo fermo il numero complessivo di 10.000 lavoratori". Da lunedì parte la trattativa al ministero dello sviluppo con i sindacati. Nel dettaglio 7.600 sarebbero impiegati a Taranto, 900 a Genova, 700 a Novi ligure, 160 a Milano, 240 in altri siti. Per un totale di 9.600 addetti. Quanto alle controllate sono previsti 160 dipendenti in forze a Ism, 35 a Ilvaform, 90 Taranto Energia.
   Inoltre sono previsti 45 dirigenti in funzione. Gli esuberi, come assicurato dal Governo, saranno impiegati nelle attività di ambientalizzazione del sito di Taranto gestito dall'Amministrazione straordinaria. 

  Ma i sindacati non ci stanno: il consiglio di fabbrica dell'Ilva di Taranto ha subito proclamato 24 ore di sciopero lunedì 9 ottobre per i lavoratori del siderurgico, dell'appalto e dell'indotto. Anche i lavoratori dell'Ilva di Novi Ligure aderiscono allo sciopero, con otto ore di astensione dal lavoro sui tre turni e picchetto davanti alla fabbrica.

Leggi l'articolo completo su ANSA.it