Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Cultura

Barrett, Europa dialoghi con l'Africa

Scrittore nigeriano protagonista affollato incontro festival Mantova

Redazione ANSA

(ANSA) - MANTOVA, 6 SET - A.IGONI BARRETT, L'AMORE E' POTERE O GLI SOMIGLIA MOLTO (66THAND2ND) PP. 256, EURO 16.00

"Non capisco perché i paesi europei continuino a parlare tra loro invece di dialogare di più con i paesi africani. E' così che si risolverebbe il problema dei migranti". Lo dice all'ANSA lo scrittore nigeriano A. Igoni Barrett, che si è imposto sulla scena della letteratura del suo paese con Teju Cole e Ngozi Adichie, protagonista di un incontro affollatissimo, ieri, nel giorno d'apertura del Festivaletteratura di Mantova dove è arrivato con il suo nuovo libro 'L'amore è potere, o almeno gli somiglia molto' (66thand2nd).
    "Il problema dei migranti è principalmente politico. Esiste in Italia ma anche in Nigeria. Tutto è creato da una cattiva politica: nel vostro Paese quella dei respingimenti, in Nigeria dalla mala gestione economica e culturale che ha portato i giovani a lasciare il loro paese per trovare di cosa vivere" sottolinea Igoni Barrett che si è fatto conoscere in Italia con il suo primo romanzo 'Culo nero', pubblicato sempre da 66thand2nd.
    "Aver pubblicato i miei libri in Italia ha cambiato profondamente il mio modo di vedere questo paese. Prima l'idea che avevo era di governi che non funzionano mai e di razzismo nei confronti dei migranti. Invece ho trovato un paese diverso, che ha altre cose. E' importante andare oltre gli stereotipi.
    Spero che attraverso il mio libro i lettori italiani possano fare un viaggio in Nigeria senza andarci e cambiare idea su questo paese" spiega Igoni Barrett. Ne 'L'amore è potere, o almeno gli somiglia molto' il punto di vista è quello della famiglia nei suoi diversi aspetti. "Anche quelli - dice lo scrittore - di controllo e proibizione. Le mie storie sono ambientate in Nigeria ma valgono anche al di fuori del mio paese".
   

Leggi l'articolo completo su ANSA.it