Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Cultura

A Kazuo Ishiguro premio Nobel per la Letteratura 2017

Autore di 'Quel che resta del giorno' con cui vinse il Booker Prize

Redazione ANSA

Ha creato un mondo e uno stile letterario visionario tutto suo, Kazuo Ishiguro, il Premio Nobel per la Letteratura 2017, che nei suoi romanzi e racconti riesce sempre a spiazzare, a mostrarci l'inatteso, tra memoria e oblio.

Originario di Nagasaki ma naturalizzato britannico, l'autore di 'Quel che resta del giorno' e di 'Non lasciarmi' si muove tra Oriente e Occidente, tra atmosfere sognanti e ambivalenti, comiche, stralunate, futuriste. 

"Scoperchiando l'abisso sotto il nostro illusorio senso di connessione con il mondo" come dice la motivazione dell'Accademia di Svezia che dopo Bob Dylan, Nobel 2016, torna sui binari della tradizione capace di conquistare pero' anche il grande pubblico.E soprattutto supera il tormentone di questi ultimi anni premiando un giapponese che non e' pero' Haruki Murakami.
 
"Spero solo che ricevere questo grande onore, anche se nel mio piccolo, possa incoraggiare le forze del bene e della pace in questo momento" si e' augurato Ishiguro subito dopo la notizia del Nobel. "E' sorprendente e totalmente inaspettato.

Arriva in un momento in cui il mondo e' incerto sui suoi valori, sulla sua leadership e sulla sua sicurezza" ha aggiunto. Nato nel 1954 a Nagasaki, ma trasferito in Inghilterra con la famiglia a cinque anni, Ishiguro, che il prossimo 8 novembre compira' 63 anni, vive a Londra dove si e' laureato in inglese e filosofia e ha sposato una donna scozzese, Lorna MacDougall, dalla quale ha avuto una figlia. Nel suo suo paese d'origine e' tornato solo da adulto. A Nagasaki, pochi anni dopo la Seconda Guerra Mondiale, sono ambientati il suo romanzo d'esordio 'Un pallido orizzonte di colline', del 1982, di cui e' protagonista una donna giapponese, e il secondo 'Un artista del mondo fluttuante' del 1986, per cui gli venne assegnato il premio Withbread, che vede al centro un anziano pittore. Ma e' con la storia del maggiordomo ossessionato dal dovere, abile nel reprimere i propri sentimenti, di 'Quel che resta del giorno' - vincitore del Booker Prize nel 1989, diventato un film di James Ivory con Anthony Hopkins e Emma Thompson - che si impone all'attenzione mondiale. Anche la storia distopica d'amore e d'amicizia 'Non lasciarmi' del 2005, in cui introduce una corrente sotterranea di fantascienza immaginando un mondo di cloni, diventa un film con la regia di Mark Romanek con Andrew Garfield, Carey Mulligan e Keira Knightley.

Dopo l'uscita di questo bestseller, inserito da Time nella lista dei 100 migliori romanzi in lingua inglese pubblicati dal 1923 al 2005, sono seguiti per Ishiguro dieci anni di silenzio, fino all'atteso ritorno nel 2015 con 'Il gigante sepolto'. Fatta eccezione pero' per i cinque racconti di 'Notturni' (2009), dove a far venir fuori il disagio di vivere dei protagonisti e' la musica. Ma e' con 'Il gigante sepolto', suo ultimo romanzo, che lo scrittore anglo-giapponese e' tornato a sorprendere, trasportando i lettori in una dimensione fantastica con la storia di Beatrice e Axl, una coppia di anziani in viaggio tra draghi, giganti, folletti nella Britannia del VI secolo, alcuni anni dopo la morte di Re Artu', per trovare il figlio lontano che non sanno piu' se esista veramente. E anche di questo libro sono stati acquisiti i diritti, dal produttore hollywoodiano Scott Rudin, per farne un film. Laureato all'Universita' del Kent, il Nobel per la Letteratura 2017 ha studiato Creative Writing all'Universita' dell'East Anglia, dove era uno degli studenti di Angela Carter.

Tra i suoi libri anche 'Gli inconsolabili' dove il mistero e' la chiave di volta di ogni vicenda e 'Quando eravamo orfani', in cui un detective scruta il mondo che precipita verso l'esplosione totale. Complessivamente sono sette i suoi romanzi, tutti bestseller e pluripremiati, a cui si aggiungono i racconti, tutti pubblicati in Italia da Einaudi. Ishiguro, che suona la chitarra, e' anche autore di sceneggiature cinematografiche e televisive fra cui 'La contessa bianca', e' appassionato di cinema, ma si sente soprattutto romanziere. "Scrivo in modo interiore" aveva detto in un'intervista all'ANSA e da questo mondo arrivano tutte le sue sorprese.

'PENSAVO FOSSE UN ERRORE', IL PREMIO NOBEL PARLA ALLA BBC 

L'ANNUNCIO 

E' l'autore di romanzi come 'Quel che resta del giorno' che gli valse il Booker Prize e da cui è tratto il film di James Ivory con Anthony Hopkins e Emma Thompson (SCHEDA). Felice per l'amico Kazuo Ishiguro, e desideroso di "poter fare di nuovo un film con lui". Così il regista americano James Ivory, autore nel 1993 di "Quel che resta del giorno", ha commentato la notizia della vittoria del Nobel per la letteratura da parte dello scrittore giapponese.

UNA SEQUENZA DEL FILM 'QUEL CHE RESTA DEL GIORNO'

Autore anche di 'Non lasciarmi' del 2005 che ha ispirato un film con la regia di Mark Romanek con Carey Mulligan, Andrew Garfield e Keira Knightley. (LA SCHEDA).

Best seller, inserito da Time nella lista dei 100 migliori romanzi in lingua inglese pubblicati dal 1923 al 2005. Dopo l'uscita di 'Non lasciarmi' sono seguiti per Ishiguro dieci anni di silenzio, fino all'atteso ritorno nel 2015 con 'Il gigante sepolto', pubblicato da Einaudi come gli altri suoi libri, una storia di memoria e oblio e del loro difficile rapporto, ambientata nella Britannia del V secolo, immersa in una dimensione fantastica dove troviamo Re Artù, Beowulf, Tolkien, della quale il produttore hollywoodiano Scott Rudin, aveva annunciato Ishiguro all'uscita del libro, aveva opzionato i diritti per la trasposizione cinematografica.

Ishiguro, che ha l'eleganza della cultura nipponica benché si sia trasferito da bambino in Inghilterra, è anche l'autore di 'Un pallido orizzonte di colline' del 1982, 'Un artista del mondo fluttuante' (1986), con cui ha vinto il premio Withbread, "Gli inconsolabili" (1995) e "Quando eravamo orfani" (2000).

L'anno scorso il Nobel 2016 a Bob Dylan, che ha fatto tanto discutere.

Leggi l'articolo completo su ANSA.it