Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Sicilia

Mangiò mandragora e morì, due condannati

Donna aveva lesso verdura comprata per borragine

Redazione ANSA

(ANSA) - MARSALA (TRAPANI), 12 SET - Non era borragine, ma la velenosa mandragora, quella che il 10 novembre 2015 due ambulanti di Marsala vendettero a una donna di 78 anni (Anna Laura Maria Mistretta, originaria di Mazara del Vallo) che dopo avere cotto e mangiato, la stessa sera, quella verdura si sentì male e due giorni dopo morì, per intossicazione, all'ospedale "Paolo Borsellino". Per questo, adesso, i due venditori ambulanti sono stati condannati, per omicidio colposo in concorso, ad un anno e 4 mesi di carcere dal gup di Marsala Riccardo Alcamo. I due condannati sono i marsalesi Salvatore Aramu, di 59 anni, e Pasquale Zizzo, di 29. La pena (che poteva essere più severa senza lo sconto di un terzo dovuto al rito abbreviato) è stata dichiarata "sospesa" per Zizzo, ma non per Aramu, che ha un precedente penale. Ma rischia anche Zizzo. Per lui, infatti, la sospensione della pena è condizionata al pagamento alle tre parti civili (i tre figli della vittima) di 50 mila euro ciascuno a titolo di risarcimento danni "provvisionale".
   

Leggi l'articolo completo su ANSA.it