Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Sicilia

Ucciso e gettato in un tombino: fermato il figliastro di 16 anni

Indagato un amico. La vittima è un pensionato incensurato di 71 anni.

Redazione ANSA

Fermati due sedicenni accusati dell'uccisione di Domenico Citelli, di 71 anni, assassinato con un colpo di fucile alla testa a Pedara (Catania): si tratta del 'figliastro' della vittima e di un suo amico. Il reato contestato è di omicidio aggravato premeditato in concorso e occultamento di cadavere.

Il delitto sarebbe dovuto ai forti contrasti tra Citelli e il giovane, che viveva con lui e che è il figlio della moglie dell' uomo, che da molto tempo era andata via di casa.

Il corpo era avvolto in un sacco legato con delle corde all'interno di un tombino.  Titolari del fascicolo sono ora la procuratrice per i minorenni Caterina Ajello e il sostituto Valeria Perri.

Il luogo dove è avvenuto il delitto è una zona al confine tra i Comuni di Pedara e Nicolosi, abitata da vacanzieri o da catanesi che hanno la casa di villeggiatura. Pochi i vicini presenti, e nessuno vuole commentare. Sembra che l'uomo vivesse da solo e che era una persona molto riservata. 

Leggi l'articolo completo su ANSA.it