Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Sardegna

Tour in moto tra mandorleti in Marmilla

"Pastori in moto" il 15 e 16 in concomitanza con Sagra mandorle

Redazione ANSA

Una passeggiata in moto tra i mandorleti di Baressa (Oristano), in Marmilla. In concomitanza con la Sagra delle Mandorle, il 15 e 16 settembre i "Pastori in Moto" - progetto di mototurismo esperienziale ideato da due giovani di Sardara - offriranno gratuitamente la possibilità di un'avventura sulla due ruote. Occasione non solo per ammirare il suggestivo paesaggio con i mandorli, ma anche immergersi tra le atmosfere contadine di un tempo. Si parte alle 15.30 da piazza Funtana Bella, poi a andatura turistica si percorrono facili sterrati dove si possono ammirare i mandorleti più suggestivi della Marmilla.

Poi si rientra in paese per la sagra, organizzata dal Comune: due giornate per promuovere il territorio, tra esposizioni, musica spettacoli e cultura e le degustazioni dei dolci tipici di mandorle di Baressa: amaretti, gateau, gueffus, pan'e sapa. "Sarà l'occasione anche per seguire le fasi di lavorazione del frutto dalla bacchiatura 'sa scudidura', alla raccolta 'sa boddidura', alla smallatura 'sa scroxiadura' e infine alla sgusciatura delle mandorle - spiega Nicola Pusceddu uno dei due promotori assieme a Giuseppe Tuveri.

Le attrazioni a Baressa sono tante: la Casa Museo di epoca ottocentesca, arredata con suppellettili dell'arte contadina di un tempo. Una mostra dell'Arte Sacra che racchiude quindici preziose statue in legno policromo del rinascimento sardo (XVII Sec.) e argenti di grande pregio. Un frantoio seicentesco e le Botteghe dei mestieri artigianali, dove si possono ammirare i celebri cestini scatteddus in canna e olivastro", conclude Pusceddu.
   

Leggi l'articolo completo su ANSA.it