Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Sardegna

A Budoni nuova opera architetto Ziranu

E' l'unico italiano ad aver lavorato per la Sagrada Familia

Redazione ANSA

Sarà una casa parrocchiale unica, ispirata dalla Sagrada Familia e dal genio creativo di Gaudì. Ma anche dal maestro sardo Costantino Nivola, partito dalla Sardegna e dalla sua Orani e poi diventato famoso in mezzo mondo. Protagonista l'architetto Angelo Ziranu, oranese come Nivola. Nel suo curriculum, unico italiano del team, c'è la partecipazione ai lavori, per quattro anni, della Sagrada Familia, l'eterna incompiuta, una delle più grandi opere religiose al mondo diventata il simbolo di Barcellona.

Idee di progettazione e tecniche sperimentate in Catalogna ora saranno messe a disposizione proprio della casa parrocchiale di Budoni, costa orientale della Sardegna. Fino a venerdì 14 di settembre Ziranu dirigerà le operazioni finali di posa in opera di otto pannelli iconografati con i gosos, canti devozionali di provenienza iberica diffusi in Sardegna, di San Giovanni e alcuni graffiti ispirati all'opera di Eugenio Tavolara.

Il disegno di questi grossi pannelli di dimensioni di 3x2 metri, è stato pensato e realizzato ispirandosi anche al lavoro effettuato in Spagna. E mischiandolo con la tradizione sarda. L'architetto oranese in questa opera sfrutta infatti le sue esperienze lavorative unendo le sperimentazioni formali Gaudi e l'esperienza plastica di Nivola nella realizzazione dei Sand Casting, per la chiusura verticale di monumentali palazzi statunitensi.

I pannelli che chiuderanno il lato esterno dell'edificio, in fase di ultimazione, hanno una forma curva parabolica capace di proteggere in modo sostenibile le parti interne dell'edificio e nello stesso tempo permettere una corretta illuminazione degli ambienti. Le opere sono state realizzate nel laboratorio della ditta F.lli Desogus Marmi che si occuperà anche della posa in opera.
   

Leggi l'articolo completo su ANSA.it