Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Sardegna

Elisoccorso: 292 interventi in 2 mesi

Regione respinge critiche e promuove a pieni voti il servizio

Redazione ANSA

Primo bilancio a poco più di due mesi dalla partenza dell'elisoccorso in Sardegna, dopo gli attacchi frontali delle opposizioni che hanno parlato di "scatola vuota" e di "elishowccorso". La Regione replica con i numeri e promuove a pieni voti il nuovo servizio. Complessivamente l'elicottero si è alzato in volo 292 volte, 147 a luglio e 145 ad agosto. Interventi primari, con operazioni sul luogo, nel 76% dei casi, e secondari, con trasferimenti negli ospedali, nel 24%. Sono i dati forniti dal direttore generale dell'Areus, l'Azienda dell'emergenza urgenza, Giorgio Lenzotti, accompagnato dall'assessore alla Sanità, Luigi Arru, e dal governatore Francesco Pigliaru.

"Due mesi difficili - ha spiegato il dg - soprattutto per il gran numero di turisti presenti nell'Isola, quindi era un rischio iniziare proprio ora, ma abbiamo accettato la sfida". Nell'87% delle volte la centrale operativa ha deciso di far decollare l'elicottero per un codice rosso, nel 9,8% per un giallo, nel 3,3% per un verde. "E' chiaro che dobbiamo verificare i codici verdi, ma non si tratta di un dato scandaloso - ha puntualizzato il numero uno dell'Areus - di certo le chiamate arrivavano da zone particolarmente impervie". I codici rossi, compresi quelli che poi si sono rivelati neri per il 4,5%, sono stati confermati nel 73,3% dei casi, i gialli nell'89,5% e i verdi nell'85,7%.

Chiarimenti sui tempi di intervento: posto che si considerano anche i minuti impiegati dall'equipe per operare sul paziente, a luglio la media è stata di 69 minuti e 48 secondi (tempo d'arrivo sul luogo 17 minuti), 71 minuti e 48 ad agosto (tempo d'arrivo 15 minuti). "Il bilancio è positivo - ha detto Arru - soprattutto considerando i tempi dalla chiamata alla centrale operativa, dati che confermano l'ottima qualità della prestazione svolta da medici, infermieri, dei piloti.

Non si può far altro che migliorare definendo meglio il ruolo dell'elicottero integrato con le autoambulanze". "Ciò che conta è il risultato - ha ribadito Pigliaru - prima il servizio non c'era, ora c'è: in poco tempo si riesce ad arrivare nei luoghi più difficili e offrire la migliore delle soluzioni con l'obiettivo di salvare vite umane".
   

LENZOTTI, SU VOLO NOTTURNO PRESTO A BUON PUNTO - Costi e servizio notturno del servizio di elisoccorso sono stati al centro delle polemiche alimentate dalle opposizioni. "Il bando è visto a livello nazionale in modo molto positivo - ha replicato oggi l'assessore alla Sanità Luigi Arru illustrando il bilancio dei primi due mesi di attività - c'è stata anche una riduzione del 12% che ci consente di risparmiare otto milioni di euro in otto anni e i costi son quelli previsti per elicotteri avanzatissimi.

Facciamo un qualcosa previsto a livello nazionale e controllato da tutte le autorità competenti, a partire dall'Anac". Sul servizio notturno è invece il direttore generale dell'Areus, Giorgio Lenzotti, a rispondere: "E' evidente che la maggior parte degli interventi sono diurni, il tema del volo notturno è ancora incompleto, su questo stiamo lavorando". Tuttavia, commenta, "avremmo forse dovuto aspettare che tutte le elibasi fossero pronte? Credo che sia valsa la pena iniziare, ad ogni modo normalmente gli interventi diurni rappresentano l'80%. Entro Natale saremmo a buon punto e stiamo lavorando con i Comuni per individuare una serie di piazzole".

OLBIA BASE PIU' ATTIVA, A SASSARI I MAGGIORI INTERVENTI - Nei primi due mesi di funzionamento dell'elisoccorso, la base più attiva è stata quella di Olbia (51,7%), seguita da Cagliari (40,8%) e da Alghero, dove si registra solo un 7,5% dei decolli, ma solo perché il servizio è partito ad agosto. Quanto alla localizzazione degli interventi, la provincia di Sassari è prima con il 46,6%, quindi Cagliari (27,7%), Nuoro (17,1%) e Oristano (8,6%).

"Tantissimi viaggi in Gallura a causa del numero importante di turisti", ha spiegato oggi il direttore generale dell'Areus, Giorgio Lenzotti. Il trasferimento dei pazienti è avvenuto principalmente negli ospedali di Cagliari (67 al Brotzu, 2 al Policlinico, 12 al Marino, 2 al Santissima Trinità), ma anche a Sassari (62), Nuoro (42) e Olbia (37). Quanto alle patologie trattate, il 34% sono state di tipo traumatico, il 21% neurologico, il 17% cardiocircolatorio, il 7% respiratoria e il 21% altre patologie.

Leggi l'articolo completo su ANSA.it