Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Sardegna

Sardegna: si taglia l'80% di partecipate

Pigliaru, lavoro imponente ci consentirà risparmio 9,5 mln euro

Redazione ANSA

Da 91 a 18 entro la fine del 2018 con un risparmio stimato di 9,5 milioni di euro. La Giunta guidata da Francesco Pigliaru taglia di oltre l'80% le partecipazioni della Regione in società, dirette e indirette.

"Un lavoro di spending review imponente, straordinariamente superiore rispetto a ciò che era stato fatto sino ad ora, d'altra parte rientrava nel nostro programma di governo", ha spiegato il governatore che ha presentato il Piano di revisione straordinaria delle partecipazioni detenute dalla Regione, approvato dalla Giunta regionale lo scorso 27 settembre.

Pigliaru ha parlato di "partecipazioni spesso non finalizzate all'erogazione di un servizio riconoscibile dai cittadini: la razionalizzazione consentirà di mettere a disposizione risorse importanti. Ricordo solo, per esempio, che con cinque milioni di euro noi adottiamo una politica di accompagnamento a persone che vanno a curarsi fuori". Entro il 2018 le partecipazioni dirette passeranno da 25 a 10, quelle indirette da 66 a 8.

Quelle che resistono sono divise per assessorato. Agli Affari generali fanno capo la Janna scrl (cavi di fibra ottica) e Sardegna.it srl (supporto allo sviluppo del sistema informativo); l'Industria conserva Carbosulcis spa e Igea spa (bonifiche siti minerari); ai Lavori pubblici fa capo Abbanoa Spa; l'assessorato al Lavoro conserva l'azionariato all'Insar (politiche attive per l'occupazione). La Programmazione mantiene la Sfirs (finanziaria della Regione) e la Sotocarbo spa (sviluppo tecnologie da combustibili fossili). Sul versante Trasporti ecco l'Arst e la collegata Centralabs (Centro competenza sui trasporti), le società di gestione dei tre aeroporti (Sogeaal, Sogaer e Geasar). Infine l'Agricoltura che, attraverso Agris, conserva Ccba (Centro di conservazione biodiversità animale). Mentre attraverso Sardegna Ricerche la Regione mantiene la partecipazione nella srl Porto Conte (ricerca e sviluppo nelle tecnologie alimentari e biotecnologie applicate), Pula Servizi (organizzazione e gestione in materia ambientale) e il Centro di ricerca Crs4 con la collegata Dass scarl (Distretto aerospaziale della Sardegna).

Leggi l'articolo completo su ANSA.it