Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Emilia Romagna

Finti padri per figli lucciole,2 denunce

63enne e 48enne riconoscevano bimbi all'anagrafe dietro compenso

Redazione ANSA

(ANSA) - PIACENZA, 10 SET - Un'indagine della Polizia Municipale di Piacenza ha permesso di scoprire due uomini che - dietro un compenso in denaro di 800 euro - si prestavano per riconoscere all'anagrafe i figli delle prostitute. Due i casi accertati, grazie anche al test del Dna compiuto su disposizione della Procura della Repubblica della città emiliana.
    Dall'analisi è emerso che un bambino e una bambina non avevano alcun legame di parentela con i due uomini italiani di cui portavano il cognome: un cremonese di 63 anni e un milanese di 48 che sono stati denunciati per false attestazioni.
    Lo stratagemma, svelato dalla Municipale piacentina, permetteva alle 'lucciole' di far ottenere la cittadinanza italiana ai figli e, quindi, di poter restare nel nostro Paese. L'indagine ha fatto anche luce su un giro di prostituzione e sfruttamento che aveva portato una giovane ragazza albanese sulla strada contro la sua volontà, ricattata dai suoi protettori che alla fine sono stati denunciati.
   

Leggi l'articolo completo su ANSA.it