Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, a scopi pubblicitari e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per maggiori informazioni o negare il consenso, leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Campania

Droga: preso narcotrafficante internazionale nel Salernitano

Anche 5 indagati. Attività investigativa dopo arresto corriere

Scoperta piantagione di marijuana nel Salernitano, 3 arresti

Redazione ANSA

(ANSA) - SALERNO, 12 SET - Un uomo di 33 anni, ritenuto un narcotrafficante internazionale di droga, è stato arrestato dalla Guardia Finanza di Salerno con l'accusa di associazione per delinquere dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti. La Guardia di Finanza di Salerno ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell'uomo che è indagato insieme ad altre cinque persone.
    L'arresto e le perquisizioni, svolte nell'Agro Nocerino-Sarnese, giungono al termine delle indagini condotte dal Gico di Salerno, scaturite in seguito all'arresto in flagranza di reato di tre persone avvenuto a febbraio del 2017 presso la stazione ferroviaria di Salerno. In quella circostanza si accertò che una 48enne dell'Honduras proveniente dalla Spagna, dopo essere atterrata all'aeroporto di Fiumicino, aveva consegnato, al suo arrivo a Salerno, 84 ovuli contenenti complessivamente più di un chilo di cocaina, ad una 45enne cubana e a un 28enne nocerino, provenienti dal comune di Sant'Egidio del Monte Albino (Salerno), che la attendevano alla stazione. I tre soggetti furono arrestati e si trovano ancora in carcere, anche in seguito alla condanna nel primo grado di giudizio.
    Le indagini effettuate dalle Fiamme Gialle salernitane hanno consentito d'identificare gli altri soggetti che hanno partecipato all'importazione della sostanza stupefacente e di accertare il pieno coinvolgimento del 33enne nocerino nell'episodio di febbraio 2017. Pochi giorni prima dell'importazione della sostanza stupefacente, infatti, si era recato in Spagna per concordare con il venditore le modalità di acquisto e di trasporto della partita di cocaina. È stato lui, inoltre, ad incaricare i due soggetti, poi arrestati, di recarsi alla stazione ferroviaria per incontrare l'honduregna proveniente dalla penisola iberica. (ANSA).
   

Leggi l'articolo completo su ANSA.it