Muro Berlino:Giampietro (Pd),troppi muri da abbattere ancora

Palestina e Israele, Usa e Messico:all'est poi libertà a rischio

(ANSA) - PESCARA, 9 NOV - ''La caduta del Muro ha forgiato il sentimento civile della mia generazione: assieme alla Guerra del Golfo, a Sarajevo, agli attentati a Falcone e Borsellino, le immagini dell'89 sono state il primo contatto con il mondo degli adulti, e non è un caso nella mia generazione proprio i temi dei diritti civili, della pace e della lotta alle mafie siano stati al centro delle mobilitazioni. Dopo 30, però, l'insegnamento è che la strada è ancora lunga'' Lo ha detto Piero Giampietro consigliere comunale Pd durante il suo intervento in aula consiliare per la commemorazione della Caduta del Muro di Berlino.
    ''Gli indicatori sulla libertà di stampa dicono che molti Paesi del blocco ex sovietico sono ancora lontani dagli standard occidentali, in una città simbolo della Ddr come Dresda il Consiglio comunale ha dovuto dichiarare lo stato di emergenza per il pericolo nazista, e ci sono visioni conservatrici e reazionarie, in molti Paesi dell'ex blocco sovietico, sui temi dei diritti delle donne, degli omosessuali, della libertà di espressione. Sono molti i muri che vanno ancora abbattuti, a cominciare da quelli che separano Palestina e Israele, Usa e Messico, e soprattutto i più pericolosi, quelli immaginari, quelli che vogliono dividere a tutti i così''.(ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere