Asl Chieti,Schael'innovazione e ascolto'

'Ospedale non unico tema, affrontare invecchiamento popolazione'

(ANSA) - CHIETI - "Inizio il mio percorso con un'idea chiara: occorre una visione innovativa per garantire qualità alla sanità della provincia di Chieti e puntare a nuovi modelli assistenziali". E' il punto di vista di Thomas Schael, nuovo manager della Asl di Lanciano Vasto Chieti, "un'azienda - afferma - che ha problemi, ma non è messa male rispetto a realtà di altre regioni". "Sono rigoroso nei conti - dice - perché devo agire nell'interesse del contribuente e massimizzare l'uso delle risorse economiche. Per raggiungere tale obiettivo introdurrò modelli organizzativi di assistenza: dobbiamo dimenticare l'ospedale come unico tema di cui discutere. Dobbiamo capire come affrontare l'invecchiamento della popolazione". Nuovi percorsi, per Schael, che "hanno bisogno di nuove professionalità, di nuove culture di assistenza, e senza informatizzazione ciò non è possibile. Una promessa che mi sento di fare è che cercherò di visitare i luoghi personalmente, per rendermi conto delle diverse situazioni".

Thomas Schael risponde alle domande dei giornalisti, video https://www.youtube.com/watch?v=dxziotFFVvc&feature=youtu.be
   

"La tutela della salute oggi va molto oltre l’ospedale, che pure deve assolvere al meglio al proprio compito - ha detto Schael parlando con i giornalisti nel primo giorno alla guida della Asl - ma a fronte di una popolazione che invecchia, e questo territorio ne sa qualcosa, di cronicità in aumento e risorse che restano invariate, abbiamo la necessità di pensare a un mix assistenziale inedito, che preveda il coinvolgimento di diverse categorie professionali, ma anche una diversa corresponsabilizzazione dei cittadini nell’esercizio del diritto alla salute". Il pensiero del nuovo direttore va ai territori che, anche per carenza di servizi, rischiano lo spopolamento e dove i cittadini si sentono declassati rispetto ai centri urbani; un fenomeno da contrastare attivando percorsi di assistenza caratterizzati dall’integrazione tra professionisti e da una visione globale di un rinnovato sistema di cure. Non è mancato il riferimento alla collaborazione con l’Università, preziosa per sviluppare quell’innovazione che a Schael sta tanto a cuore. Thomas Schael: laurea in Ingegneria e PhD in informatica sull’uso dei workflow management system nell’organizzazione per processi, è stato sub commissario ad acta per la realizzazione del Piano di rientro della Regione Calabria, dopo aver diretto l’Azienda sanitaria dell’Alto Adige per la realizzazione della riforma del sistema sanitario della provincia di Bolzano con un progetto di informatizzazione territoriale e ospedaliera. In precedenza aveva diretto la Asl Magna Grecia di Crotone ed era stato commissario alla Asl Napoli 2 Nord. E’ un esperto di progettazione e gestione di organizzazioni complesse nel settore pubblico e privato.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere