Jova Beach a Vasto: manager, ora ci pensa magistratura

"Sono deluso e sorpreso, Lorenzo l'ha presa molto male"

(ANSA) - CHIETI, 9 AGO - "Non immaginavo una evoluzione del genere: sono esterrefatto perché il comitato di questa mattina è stata più una requisitoria del Prefetto e del comandante dei Carabinieri su una questione di cui si occuperà ora la magistratura". Lo ha detto l'amministratore delegato della Trident la società che gestisce l'evento, Maurizio Salvadori.
    L'organizzatore da trent'anni dei concerti di Jovanotti appena uscito dal comitato per la sicurezza che si è svolto in prefettura a Chieti ha così commentato l'annullamento del concerto di Jovanotti a Vasto: "Gli argomenti all'ordine del giorno sono stati l'analisi della Commissione di Vigilanza che ha ritenuto non idonea la documentazione presentata; è evidente che qualcosa non quadra. Si è parlato poi della data del 17 agosto considerata non idonea per il concerto perche' coincidente con il periodo di ferie e di vacanze - ha esordito Salvadori - Fa sorridere ora la totale mancanza di collaborazione tra i vari enti che sapevano già dal mese di dicembre di questa data scelta per il concerto".
    "Sono deluso e sorpreso - ha proseguito Salvadori -: è stata una riunione più politica che strategica dove ho assistito a molte chiacchiere e pochi fatti. È chiaro che ho interloquito con persone che non hanno mai visto concerti di questo livello.
    Bisognava verificare prima le condizioni di idoneità e non arrivare alla data del 17 agosto" precisa l'amministratore delegato della Trident.
    E sempre Maurizio Salvadori fa sapere che Jovanotti ha presa molto male la notizia dell'annullamento del concerto. Ci sì chiede ora che fine faranno i 30.000 biglietti acquistati dai fan e se verranno rimborsati.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere