Rigopiano: difesa D'Incecco, era malato e ha fatto possibile

Legali dirigente, Provincia ha reso servizio cui era preposta

(ANSA) - L'AQUILA, 8 GEN - "D'Incecco quel giorno era in malattia, ma questa circostanza non rappresenta il principale argomento difensivo. Nonostante questa sua condizione di malattia ha potuto fare tutto quanto nelle sue possibilità per quanto gli spettava fare". Così gli avvocati Marco Spagnuolo e Gianfranco Iadecola, oggi pomeriggio in tribunale a Pescara, al termine dell'interrogatorio del loro assistito Paolo D'incecco, dirigente del settore Viabilità della Provincia di Pescara, indagato nell'ambito dell'inchiesta sul disastro dell'Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara).
    D'Incecco è coinvolto nel filone dell'inchiesta riguardante la gestione dell'emergenza. "Ha fornito risposte puntuali riguardanti ogni addebito - hanno aggiunto i legali -.
    L'elemento di novità è che D'Incecco ha chiesto di essere interrogato per chiarire quale fosse non solo il suo ruolo, ma anche le sue competenze specifiche, l'ambito di operatività e come la Provincia di Pescara, tramite il servizio Viabilità, abbia reso il servizio che istituzionalmente era preposta a svolgere".
    Tra gli argomenti difensivi anche il depotenziamento delle Province causato dalla riforma Delrio. "È un dato tecnico evidente a tutti - hanno confermato gli avvocati - ed è un argomento che deve essere valutato dagli inquirenti, come è stato fatto e come sarà fatto con ancora maggiore attenzione visto che è stato portato a sostegno della tesi difensiva".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere