Torna al Munda Cola dell'Amatrice

Dopo 9 anni nelle sale del Castello Cinquecentesco all'Aquila

(ANSA) - L'AQUILA, 18 LUG - Torna al Museo Nazionale d'Abruzzo (Munda) nel Castello Cinquecentesco dell'Aquila, dove era rimasta fino al sisma del 2009, l'opera della piena maturità artistica di Cola dell'Amatrice, pittore, scultore, architetto, sua la facciata della Basilica di San Bernardino. La Sacra Famiglia con San Giovannino e San Francesco d'Assisi (1524-1528 circa) si ricongiunge a quel territorio nel quale l'artista privilegiò operare, il cuore della dorsale appenninica, Amatrice, L'Aquila, Ascoli Piceno. La tavola, unica opera dalla quale emerge compiutamente il rapporto con Raffaello, è stata oggetto di accurato restauro nell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze ed esposta ad Ascoli Piceno come immagine identificativa dell'esposizione, appena conclusa, "Cola dell'Amatrice tra Pinturicchio e Raffaello". Le operazioni per la nuova collocazione del capolavoro saranno seguite questa mattina dal direttore del Polo Museale dell'Abruzzo Lucia Arbace e dal direttore del MuNDA Mauro Congeduti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere