Savoia:B.Maiella, Abruzzo non dimentica

Scapparono da Ortona a Brindisi, responsabilità indelebili

(ANSA) - PESCARA, 18 DIC - ''Nel momento più difficile della Seconda Guerra mondiale 'l'ingloriosa fuga' di tutta la famiglia reale, del maresciallo Badoglio e dei vertici militari attraverso la via Tiburtina-Valeria, fu consumata proprio dai porti della nostra regione, ovvero dagli scali marittimi di Pescara e di Ortona, che furono usati come terminali più comodi e sicuri per raggiungere il Sud già liberato dagli Alleati''. Lo scrive la Fondazione Brigata Maiella, erede dei patrioti della omonima formazione partigiana, unica decorata con la medaglia d'oro tra tutte le formazioni della storia della Resistenza italiana.
    La Fondazione interviene perchè ''nei giorni in cui si assiste al rientro in Italia dei feretri della dinastia dei Savoia, la Fondazione Brigata Maiella richiama l'attenzione sulle indelebili responsabilità dell'allora Casa regnante nelle violazioni costituzionali operate da Mussolini e nelle nefaste imprese di guerra del fascismo'', prosegue la Fondazione.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere