Infanzia: disagio,'Cittadella' a Pescara

Coop guida progetto 615mila euro. Giallorenzo, serve prevenzione

(ANSA) - PESCARA, 30 SET - Sportelli di prima accoglienza e ascolto; focus per giovani madri; attività integrate per il sostegno alla genitorialità; allestimento di uno spazio protetto per incontri tra genitori e figli nei casi di separazione conflittuali (anche per genitori in regime di detenzione); gruppi di Auto Mutuo Aiuto e incontri di formazione destinati a genitori e parenti su tematiche quali prevenzione dei disturbi in età evolutiva, educazione alimentare, rapporti genitori-figli: questa è la 'Cittadella dell'Infanzia', uno dei tre progetti abruzzesi che ha vinto il bando 'Prima Infanzia 0-6'. Giovedì 5 ottobre la presentazione alla Regione. La 'Cittadella dell'Infanzia' sorgerà a Pescara e vede come capofila la Cooperativa Sociale Orizzonte, da più di 25 anni nel settore del disagio minorile. Al progetto sono stati assegnati 615 mila euro che andranno a finanziare una serie di attività, prima di tutto la ristrutturazione di una sede individuata dal comune in via Lago Sant'Angelo. "Si tratta di un progetto sociale 'diffuso' che avviene sia nella sede fisica che abbiamo individuato sia in altre varie realtà cittadine che fanno capo alle associazioni del partenariato", spiega la presidente del C.d.a. della Cooperativa Orizzonte, Grazia Giallorenzo. In particolare, evidenza la presidente, primo obiettivo "quello di intervenire nella fase della prevenzione e intercettare da subito le situazioni di disagio". Tanti i casi già gravemente compromessi, infatti, che arrivano alla rete degli operatori sociali della Cooperativa. Oltre a Orizzonte, che guida la task-force, gli altri partner sono Regione Abruzzo; Comune di Pescara; Università degli Studi 'G. D'Annunzio'; Istituti Comprensivi Pescara 1, Pescara 2, Pescara 5, Pescara 7; la Casa Circondariale di Pescara; Fondazione Papa Paolo VI onlus; Anffas onlus; Associazione Laboratorio Innovazioni; Associazione Gulliver; Associazione Bimbinsalute; Maestri del lavoro; Pro.F.Academy; Ass. Promozione soc. 'Movimentazioni'; Genti d'Abruzzo impresa sociale; Fondazione Genti d'Abruzzo. Presente anche la società italiana di medicina Pediatrica (SIMPe) rappresentata da Tiziana Di Giampietro. Sulle finalità del progetto la presidente Giallorenzo spiega: "L'Ufficio Scolastico di Pescara, da cui prende le mosse la costituzione del partenariato, ha inteso rispondere, con la partecipazione al Bando Prima Infanzia 0-6, ai bisogni di ampliamento e potenziamento dei servizi educativi e di cura dei bambini in situazioni di disagio e di povertà educativa che si evidenziano in particolare nei quartieri più a rischio dell'area metropolitana". "L'idea centrale dell'intervento - dice la responsabile della cooperativa Orizzonte - è la costituzione di una Cittadella dell'Infanzia quale luogo diffuso sul territorio che consenta la fluidità degli interventi socio-educativi, con la messa a disposizione da parte del Comune di Pescara di più strutture che, grazie al finanziamento, saranno rese fruibili per le attività proposte". Oltre agli sportelli di prima accoglienza e ascolto e alle altre attività di incontro protette, anche gestione dei conflitti mediante attività laboratoriali, peer-to-peer, learning by doing; attività di orientamento e formazione per l' occupabilità dei genitori; swap street (riuso di abiti, giocattoli etc); laboratorio creativo con la tecnologia 3D per la produzione di giochi didattici; attività di arte, musica, sport e psicomotricità, lettura. Il progetto prevede inoltre, nel parco attiguo al nido di infanzia comunale 'Cipì', la realizzazione del 'Nido nel Bosco', concretizzazione di una metodologia di outdoor education attraverso attività di innovazione pedagogica. Lo stesso 'bosco' sarà teatro di attività di psicomotricità per i bimbi in relazione dinamica con i genitori. Infine, all'interno delle scuole partner, verranno realizzati micromoduli didattici per l'aggancio emotivo e motivazionale dei bambini e della comunità parentale - con microattività collegate con la Smart Multitasking Space della Cittadella. "La valenza del progetto - viene sottolineato - è proprio nell'ampio respiro che ha saputo dare alle motivazioni e agli obiettivi che sono stati individuati quali necessità primarie in queste fasce di popolazione in cui si è scelto di destinare, in via prioritaria, gli interventi educazionale".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere