Cisl Fnp, allarme taglio fondi welfare

'Si rischia smantellamento servizi sociali pubblici'

(ANSA) - MONTESILVANO (PESCARA), 20 APR - I tagli previsti al Fondo Sanitario Nazionale, pari a 485 mln, e quelli al Fondo per le politiche sociali, che interesseranno anche Abruzzo e Molise, già tra le regioni italiane più tartassate, con l'aliquota media più alta anche per le addizionali Irpef regionali e comunali.
    Sono alcuni dei temi su cui è stato lanciato l'allarme al congresso Fnp-Cisl AbruzzoMolise. Durante i lavori è stato sottolineato che, ai tagli sul Fondo sanitario nazionale, si aggiunge il taglio sul Fondo per le politiche sociali e la non autosufficienza, che interessa "le persone anziane non autosufficienti, i disabili, i bambini poveri, i cittadini più deboli e bisognosi di assistenza e di cure". Una decisione che il sindacato definisce "grave e inaccettabile, con ripercussioni pesantissime sulle nostre regioni, perché si rischia lo smantellamento dei servizi sociali pubblici". Per questo la Cisl, insieme a Cgil e Uil, il 29 aprile scenderà in piazza "per il rilancio del welfare e per manifestare contro i tagli".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere