Ucciso da albanesi, quattro condanne

Agguato sotto casa a giugno 2015, 18 anni a esecutore

(ANSA) - TERAMO, 23 MAR - Diciotto anni di reclusione per Arjan Ziu, di 50 anni, e 17 anni e quattro mesi ciascuno per il fratello Michele (53) e i figli di quest'ultimo, Rudy (26) e Antonio (19), tutti albanesi, accusati dell'omicidio di Roberto Tizi, il 35enne marchigiano freddato con un colpo di pistola, a Martinsicuro (Teramo) il 7 giugno 2015 mentre stava rincasando: sono le condanne comminate dal giudice Roberto Veneziano, al termine del processo con rito abbreviato; il Pm Bruno Auriemma aveva chiesto per tutti una condanna a 30 anni. Il giudice ha disposto anche il risarcimento del danno a favore della parte civile da liquidarsi in separata sede e una provvisionale di 30 mila euro a favore dei genitori di Tizi. Ai quattro venivano contestati l'omicidio volontario aggravato, le lesioni personali aggravate nei confronti della compagna di Tizi - che quella sera si trovava in macchina con lui - e il porto abusivo d'arma.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Giorgio Magliocca e Umberto di Fonzo - Fabbrica srl

Fabbrica Set Design Company, quando la creatività sposa l'artigianalità

L'azienda scenotecnica della provincia di Chieti è specializzata nella realizzazione di scenografie per grandi spazi sia per la ristorazione che per l’intrattenimento, ma anche di allestimenti per esposizioni e meeting


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.