Casa occupata: Salvini, arrivo io e l'occupante non c'è più

Segretario Lega, piccola magia, è bastato annunciare mia venuta

(ANSA) - AVEZZANO (L'AQUILA), 23 MAR - "E' successa una piccola magia: è bastato preannunciare l'arrivo di Salvini per liberare un appartamento occupato. Significa che c'era un sindaco che dormiva, ma tenetelo sveglio, non posso tornare qui tutte le settimane". E' un ironico Matteo Salvini quello che commenta lo sgombero di questa mattina dell'appartamento di via Mattarella, effettuato dalle forze dell'ordine, occupazione che era stata il pretesto che ha portato Salvini ad Avezzano. Il sindaco Giovanni Di Pangrazio aveva commentato che Salvini sarebbe arrivato ad Avezzano solo per sottolineare la ritrovata legalità. "Prendo per buona la fortunata coincidenza - ha risposto Salvini - quella di uno sgombero nel giorno del mio arrivo. Ma a questo punto se c'è un'altra occupazione abusiva sono disposto a tornare". Tutto il comizio di Salvini è stato 'bombardato' dalle grida delle famiglie Rom tenute a debita distanza dal segretario della Lega. Ad un certo punto il segretario della Lega, rivolgendosi in lontananza a una delle donne che più di tutte urlava se ne è uscito con "e spegniti, che hai rotto le palle". Ma poi cercando di stemperare i toni le ha strillato "Signora, le mando un bacione". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Giorgio Magliocca e Umberto di Fonzo - Fabbrica srl

Fabbrica Set Design Company, quando la creatività sposa l'artigianalità

L'azienda scenotecnica della provincia di Chieti è specializzata nella realizzazione di scenografie per grandi spazi sia per la ristorazione che per l’intrattenimento, ma anche di allestimenti per esposizioni e meeting


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere