Morte Colabrese, perizia su Dna

Procura La Spezia ha indagato amico giovane sulmonese

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 3 FEB - Sarà la prova del dna a stabilire se le macchie di sangue e biologiche trovate sugli indumenti di Giuseppe Colabrese, il giovane di Sulmona trovato cadavere in un bosco vicino La Spezia, possano essere riconducibili all'amico Francesco Del Monaco, indagato nella vicenda per omicidio volontario. Il pm della Procura della Repubblica di La Spezia, Claudia Merlino, titolare del caso, ha affidato la perizia al maresciallo dei Carabinieri, Claudio Bellino, analista dei Ris di Parma. Il perito avrà sessanta giorni di tempo per l'analisi delle tracce biologiche ed ematiche. E' chiaro che un eventuale esito positivo della comparazione tra il dna dell'indagato e le tracce rinvenute su occhiali, abbigliamento e scarpe del giovane ucciso porterebbe ad un aggravamento della posizione per Francesco Del Monaco, che al momento resta l'unico indagato della vicenda. Sempre ieri è stata resa nota alle parti la perizia sulle cause del decesso, perizia che ha confermato la morte violenta del giovane.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Impresa funebre De Florentiis

Emidio De Florentiis: «Ogni lutto causa dolore, ma i funerali non sono tutti uguali»

In un settore delicato come quello funebre, la professionalità e la sensibilità fanno la differenza: qualità irrinunciabili per la storica impresa Emidio e Alfredo De Florentiis di Pescara


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere