'Furto paesaggio' in area Torre Cerrano

Ladro di legname mutila tronco spiaggiato famoso tra turisti

(ANSA) - PINETO (TERAMO), 2 GEN - L'azione di un ladro di legname ha mutilato uno dei simboli dell'Area Marina protetta Torre del Cerrano: pezzi di un tronco spiaggiato anni addietro proprio di fronte Torre Cerrano sono stati tagliati con una motosega e portati via dal demanio costiero. La segnalazione giunge dal direttore dell'Area Marina Fabio Vallarola che invita forze dell'ordine e amministrazioni comunali a sensibilizzare su questa tematica. "I tronchi di particolare grandezza, aspetto non secondario per un'area protetta, sono di una bellezza paesaggistica assolutamente da tutelare" dice. "A parte il fatto - aggiunge - che il furto priva l'Amp di un elemento importante di biodiversità essendo il materiale legnoso spiaggiato molto importante per l'ecosistema costiero e si tratta di un'attività vietata ovunque per tutta una serie di normative nazionali e regionali inerenti le operazioni possibili sul demanio marittimo, tra l'altro su beni di pubblica proprietà, ed è azione specificatamente vietata dalle norme dell'Area marina protetta Torre del Cerrano (art.5 del DM 21 ottobre 2009)". Il furto è infatti avvenuto nella Zona B dell'AMP, corrispondente con i 900 metri di spiaggia che si sviluppano davanti Torre Cerrano. Vallarola sottolinea che quel tronco in particolare (non il primo spiaggiatosi sull'area protetta durante le varie ondate di maltempo ma l'ultimo a essere stato rubato), era divenuto un simbolo dell'Amp e la meta di turisti che passeggiano lungo la battigia fino a Torre Cerrano, sia da Pineto sia da Silvi. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere